PGT Magenta: l’assessore Enzo Salvaggio svela che…..

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

MAGENTA – Il cerchio si sta per chiudere.  Così, tra la fine di gennaio e i primi di febbraio la Variante al Piano di Governo del Territorio dell’Amministrazione di Marco Invernizzi prenderà definitivamente forma. Ad anticiparlo a Ticino Notizie è l’assessore alla partita Enzo Salvaggio. “Attorno al 20 avremo un Consiglio comunale in cui abbiamo condensato una serie di risposte alle interrogazioni della minoranza. Dopodiché avremo una doppia serata riservata allo strumento urbanistico”. 

Nel complesso le osservazioni ricevute in questo lasso di tempo sono state 150.  “Devo rilevare come nota curiosa – rimarca Salvaggio – che in tre situazioni abbiamo avuti casi di persone con terreni edificabili che hanno preferito riportarli ad agricoli. Questo complice la situazione economica del momento e i costi che questi ultimi dovevano sostenere”. Salvaggio utilizza questa premessa a sostegno della sua tesi: “La nostra Giunta non è per l’opzione zero rispetto al consumo di suolo. E’ piuttosto per un’azione ragionata. L’esempio che ho portato dimostra come lo scenario in questi dieci anni sia cambiato in modo drastico, ragione per cui è utile continua a mettere metri cubi su metri cubi, quando, poi le esigenze sono altre”.

Per quanto riguarda le fasce di rispetto l’assessore al Territorio spiega che l’interlocuzione con Regione Lombardia è servita a togliere questo limite per quanto riguarda le proprietà prospicienti il Naviglio Grande, mentre la prescrizione resta invariata per quel riguarda quello che dovrebbe essere il futuro tracciato della Magenta Vigevano. 

Più in generale, sul tema della programmazione del territorio Salvaggio parte dall’analisi della recente legge regionale in materia di consumo di suolo: “E’ chiaro che per gli ambiti di trasformazione (tra cui anche il cosiddetto business park in zona industriale) la nostra indicazione ai titolare è di presentare al più presto delle proposte concrete. Perché da giugno, come prevede la legge di Regione Lombardia, su queste superfici sarà tutto bloccato sino a future disposizioni dal Pirellone”.

Dal PGT Invernizzi emerge, inoltre, una chiara indicazione al potenziamento al polo scolastico nella zona sud di Magenta, così come la creazione di un’area parcheggi rispetto ad una porzione dell’ex Novaceta.

Venendo infine, appunto, alle due aree strategiche della città – ex Novaceta ed ex Saffa – Salvaggio chiosa: “Finalmente ci sono delle proposte concrete da parte delle proprietà. Per la Novaceta Unicredit è intenzionata a portare avanti un discorso produttivo e questo ci fa piacere. Quanto all’ex Saffa, accanto all’aspetto di nuovi insediamenti abitativi, è affiorata l’ipotesi di una nuova RSA”.  

Le prossime settimane, serviranno per capire se queste proposte prenderanno realmente forma o se invece non avranno le gambe per andare avanti.

F.V.

(Qui sotto l’Assessore Enzo Salvaggio e in basso l’area ex Saffa di Pontenuovo)

enzo2saffa2

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti