Partito da Mortara il primo treno merci per la Cina

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

L’assessore regionale Sorte: ‘Un collegamento da potenziare’

MORTARA –  Impieghera’ circa 18 giorni a coprire i circa 10.800 km che separano Mortara da Chengdu, citta’ nel cuore della Cina di 14 milioni di abitanti. E’ il treno merci partito questa mattina dall’interporto della cittadina Pavese che, per le prima volta, colleghera’ direttamente Italia e Cina.

A tagliare il nastro del viaggio inaugurale della nuova via della Seta e’ intervenuto anche l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita’, Alessandro Sorte.

“Oggi e’ un grande giorno – ha detto Sorte – una data che rimarra’ nella storia. Questo collegamento ha per noi una rilevanza importantissima. Regione Lombardia in tempi non sospetti ha investito sul polo di Mortara quasi 10 milioni di euro e ne stanziera’ altri ancora. Siamo convinti che anche il Governo italiano fara’ la propria parte proprio perche’ la rete e di proprieta’ del Governo e questo servizio ha un’importanza notevole per quanto riguarda la logistica”. Il treno e’ composto da 17 vagoni in grado di caricare 34 container. Le merci contenute in questo primo treno sono macchinari, mobili, prodotti metallo, piastrelle e automobili.

Il treno merci attraversa l’Europa toccando Polonia, Bielorussia, Russia e Kazakistan per arrivare poi in Cina. Con l’apertura dell’instradamento del treno, il tempo di transito dall’Italia verso la provincia cinese del Sichuan e’ ridotto a circa 18 giorni, rispetto ai 40/45 che impiegano le navi via mare. Per il futuro si prevede un incremento di trasporto di macchinari, mobili, elettronica, automobili, moda, cibo e vino.

La recente riduzione dei dazi doganali all’importazione in Cina consentira’ di arricchire ulteriormente la tipologia delle merci destinate al mercato cinese. Entro il 2018, su questa tratta viaggeranno almeno tre coppie dei treni alla settimana, per il 2020 sono previsti invece 20 convogli alla settimana. “Siamo convinti – ha concluso Sorte – della necessita’ di stringere ulteriormente i rapporti con la Cina. E l’inaugurazione di oggi non e’ che l’ultima dimostrazione. Anche questa volta posso dire che la Lombardia e’ stata la locomotiva d’Italia”.

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti