Nidi Gratis: Magenta aderisce alla misura di Regione Lombardia

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

MAGENTA – La Giunta comunale ha approvato l’adesione alla misura “Nidi gratis”, per l’anno 2017-18, dal momento che il Comune di Magenta è in possesso dei requisiti previsti da Regione Lombardia.

Con “Nidi gratis”, parte del più ampio programma d’azione “Reddito di Autonomia” che ha l’obiettivo di ridurre la vulnerabilità economica e sociale della persona e della famiglia a rischio di scivolamento nella povertà, si intende sostenere le famiglie vulnerabili nel ciclo di vita con misure che affianchino le agevolazioni tariffarie per la frequenza di un bambino ai servizi di prima infanzia, rispondendo ai bisogni della famiglia anche in ottica di conciliazione tra tempo dedicato alla cura e tempi di lavoro e a tutela del mantenimento o reinserimento occupazionale, specie femminile. La misura, concretamente, integra le agevolazioni tariffarie già previste dai Comuni, azzerando la retta di frequenza dovuta dalla famiglia in possesso dei requisiti previsti. I bambini ammessi alla misura dovranno risultare frequentanti i nidi comunali.

La retta a carico dei genitori è quella espressamente prevista dal regolamento comunale in relazione al proprio ISEE. Beneficiari di questa misura sono quelle famiglie in cui i genitori devono possedere i seguenti requisiti: essere genitori di minori di età compresa tra 3 e 36 mesi che frequenteranno i nidi comunali; essere in possesso di un ISEE inferiore e uguale a max. € 20.000,00; essere entrambi occupati o avere sottoscritto un patto di servizio personalizzato, ai sensi del D. Lgs. 150/2015 ed essere entrambi residenti in Regione Lombardia. A seguito dell’approvazione dell’adesione del Comune di Magenta alla misura, l’Ufficio Nidi provvederà a presentare domanda di adesione del Comune stesso tramite piattaforma siAge di Regione Lombardia.

A conclusione della fase istruttoria, Regione Lombardia darà comunicazione al Comune dell’esito finale dei Comuni ammessi e delle relative strutture accreditate. “Dal momento che la procedura non è ancora aperta, si è attualmente in attesa di conoscere le tempistiche per la presentazione delle domande da parte delle famiglie, comunque previste per settembre. Non appena vi saranno novità daremo tempestiva informazione in modo da raggiungere le famiglie interessate”, spiega l’assessore al Welfare Patrizia Morani.
“Nel nostro programma elettorale – conclude il Sindaco Chiara Calati- la famiglia ha un ruolo centrale, ne costituisce una parte fondante. Per questo l’Amministrazione è attenta a cogliere ogni opportunità, offerta anche dagli Enti superiori, per offrire sostegno alle famiglie in difficoltà”

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti