Marco Re: “Il PD a difesa del Trasporto Pubblico Locale” (ma a Roma si tagliano 70 milioni di euro…)

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL PD DI ZONA MAGENTINO ABBIATENSE – <<Il Consiglio Regionale ha accolto un ordine del giorno all’assestamento al bilancio 2017-19 presentato dal Partito Democratico con il quale si chiede lo stanziamento complessivo di 4,6 milioni di euro per garantire la continuita’ dei servizi di trasporto pubblico.

Il PD regionale aveva avanzato questa sollecitazione da diversi mesi: solo ora è stata raccolta dalla maggioranza di centrodestra della Regione Lombardia. Questi fondi garantiranno all’agenzia metropolitana dei trasporti di chiudere i bilanci senza dover effettuare dolorosi tagli delle tratte e delle corse. Nella stessa seduta è stato approvato un emendamento, sempre del Pd, che introduce i costi standard per le agenzie dei trasporti, a garanzia della maggiore trasparenza ed efficienza in questo settore.

Grazie a questo ordine del giorno, al quale dovranno fare seguito i passaggi formali, sarà possibile scongiurare i tagli del servizio che avrebbero penalizzato migliaia di studenti e lavoratori. Apprendiamo con soddisfazione di questo importante risultato che è coerente con la sensibilità e con le sollecitazioni che il PD del nostro territorio ha manifestato sull’argomento.

Dall’opera di sollecitazione effettuata dai nostri amministratori e referenti politici locali presso i vertici di Città metropolitana e della Regione Lombardia (tra queste la mozione per scongiurare i tagli approvata da alcuni consigli comunali, tra i quali Arluno a fine Aprile), fino alle iniziative di piazza e alla raccolta di firme (es. i banchetti in piazza promossi dal PD di Vittuone a fine Luglio) fino alle raccolte di firme, specificamente finalizzate al ripristino delle corse degli autobus nel periodo estivo per le giornate del sabato e della domenica, promosse dai sindaci PD di Bareggio e Cornaredo. I servizi di trasporto pubblico non si sostengono solo con i proventi delle tariffe applicate all’utenza, ma necessitano di risorse pubbliche molto consistenti.

Per questa ragione detti servizi – in particolar modo quelli che riguardano le tratte e le corse meno redditizie – sono costantemente nel mirino, per i tagli che le amministrazioni pubbliche sovracomunali devono fare per il contenimento della spesa pubblica.

Il loro mantenimento è tuttavia spesso la condizione per garantire l’accessibilità al posto di lavoro o agli studenti di potersi recare nei luoghi di studio. Per il PD l’attenzione a questi servizi deve essere costante ad ogni livello di governo di Governo, locale e sovracomunale>>.

 

*Marco Re – Segretario PD zona Est-Ticino (Magentino-Abbiatense)

 

“Non si può non essere che soddisfatti del nuovo stanziamento regionale in materia di TPL (trasporto pubblico locale), tuttavia, sarebbe importante che l’azione di pungolo del PD locale rivolgesse la sua attenzione anche verso i governi romani, visto che nell’ultimo anno il taglio complessivo al TPL è stato di 70 milioni di euro, che per la sola Lombardia ‘vale’ 12 milioni di euro. Sarebbe opportuno ricordare anche questi aspetti della vicenda, così come il fatto che la falsa chiusura delle Province ha portato alla nascita di enti, quali, la Città Metropolitana a rischio ‘default’, totalmente incapaci di garantire i servizi essenziali ai cittadini, tra cui, appunto, il TPL.  I dati Istat recenti, a questo proposito, certificano il fallimento in toto della cosiddetta riforma Del Rio, visto che da quella legge sono spuntati ben 982 enti intermedi (consorzi, comunità montane, unioni di comuni, ect. ect.) che non hanno certo alleggerito il bilancio, già disastrato del nostro Paese.  Con un debito pubblico che oggi ha sfondato il tetto dei 2.300 miliardi di euro…

F.V.

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti