Malpensa: Forza Nuova traccia un primo bilancio delle passeggiate per la sicurezza

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA FORZA NUOVA PROVINCIA DI VARESE

FERNO –  Mediante il seguente comunicato intende diffondere un proprio bilancio dei primi due mesi di impegno civico nel comune di Ferno attraverso le passeggiate per la sicurezza; un atto dovuto anche per replicare, con sempre più fastidio, alle nuove accuse e false ricostruzioni del Sindaco Cerutti.  Federico Russo, responsabile provinciale, intende affermare: << In uno scenario di forte insicurezza ove da mesi il paese è preso di mira da bande di ladri ci piacerebbe assistere ad un dibattito ben più costruttivo, magari orientato ad analizzare linearmente, a valorizzare tutte le proposte in campo atte a risolvere l’annosa problematica. Al contrario, ancora una volta ci tocca replicare alle falsità e alle pretestuose illazioni del Sindaco Cerutti e dei suoi sodali che non solo hanno dimostrato di non aver letto neanche una riga dei nostri interventi ma oltretutto davanti al perdurare del fenomeno dei furti nelle abitazioni continuano a nascondere la testa sotto la sabbia. I continui tagli governativi al comparto della difesa, le scellerate ed irresponsabili politiche sull’immigrazione, il sistema giudiziario che il più delle volte assolve i delinquenti hanno fatto sì che anche a Ferno si sia creato un humus favorevole a delinquenti e ladri d’appartamento; case messe a soqquadro, porte ed infissi divelti, furti per il sindaco Cerutti non rappresentano un problema rilevante ma per noi forzanovisti sì, e così da poco più di due mesi a questa parte, elaborando le diverse segnalazioni e richieste d’intervento pervenuteci anche in paese abbiamo importato le passeggiate per la sicurezza, niente meno che delle camminate itineranti nei quartieri ove i nostri militanti in caso di conclamata illegalità sono pronti a sollecitare telefonicamente le Forze dell’Ordine ad effettuare interventi tempestivi; non quindi una forma di sostituzione delle forze di pubblica sicurezza ma semplicemente atti di cittadinanza attiva consci che un paese più controllato anche al calar del sole può tornare più facilmente ad essere sicuro.

Con una specifica lettera al Prefetto abbiamo inoltre richiesto la riapertura dei bandi per i corsi di osservatore volontario, una figura contemplata in un apposito decreto ministeriale del 2009 consistente nell’impiego volontario di cittadini sotto ingaggio delle amministrazioni, previa frequentazione di specifici corsi, in mansioni di controllo del territorio e sostegno sociale.

Dal Dott. Zanzi, evidentemente troppo impegnato nei progetti d’accoglienza dei clandestini, il nostro appello è stato inascoltato come nullo in tutta la provincia è stato l’impegno del centro-destra alla ri-attivazione di tale proprio quanto importante progetto preferendo, anche a Ferno, di puntare sul cosiddetto controllo del vicinato iniziativa nata espressamente per annullare la volontà dei cittadini a contribuire direttamente alla sicurezza delle comunità concedendo come unici contentini l’applicazione di sgargianti cartelli informativi e l’attivazione di gruppi virtuali di segnalazione attraverso i social network. Ritenere che questi accorgimenti siano realmente funzionali, risolutivi rappresenta una palese presa in giro nei confronti dei cittadini e nei fatti ciò è confermato da quanto avviene quotidianamente nelle realtà territoriali ove il controllo del vicinato è attivo da tempo; senza andare troppo lontano a Lonate Pozzolo e Samarate ove i ladri hanno agito e purtroppo continuano ad agire indisturbati avendo ben altre preoccupazioni. Teatrale, fatiscente, disagiante è semmai l’operato del Sindaco Cerutti, della giunta, del consiglio comunale non certo il nostro, apprezzato e supportato sempre più dai residenti sia attraverso le segnalazioni, sia attraverso complimenti ed incoraggiamenti nel vederci controllare i quartieri, unica forza attiva nell’immobilismo e nell’inconcludenza generale >>.pass.fpass.f.uno

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti