Magenta: una folla immensa per l’ultimo saluto (terreno) a Giovanna

Condividi questo ArticoloShare on Facebook245Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

MAGENTA  – Una folla immensa ha fatto da cornice ai funerali di Giovanna Noè prematuramente scomparsa all’età di 46 anni.  La Basilica di San Martino, questo pomeriggio, era stracolma di persone. Amici, parenti, conoscenti, colleghi di scuola della docente di lettere della scuola media di Marcallo con Casone.

Un grande segno di solidarietà umana per il marito Emanuele Torreggiani, giornalista e scrittore, così come per i due figli, Edoardo e Ginevra e tutti i cari di Giovanna, originaria di Buscate.

Non sono mancati, a questo proposito, i compagni di classe dei due ragazzi, che hanno affollato le navate laterali della Basilica.

Anche le istituzioni hanno voluto fare sentire tutta loro vicinanza. Il labaro del Comune, ha accompagnato il sindaco Marco Invernizzi con l’assessore Enzo Salvaggio. Le parole del prevosto don Giuseppe Marinoni: “E’ importante far sentire il nostro abbraccio ma più ancora è importante che tutti noi avvertiamo l’abbraccio di Gesù. Perché davanti alla morte che spesso è ingannevole, l’unico conforto e l’unica spiegazione la possiamo trovare nella fede”.

In chiosa, ancora tanta commozione con la preghiera di Edith Stein e una toccante interpretazione del maestro della Banda Civica Stefano Barbaglia a ricordare il grande amore per la musica di Giovanna. basilicasanmartino

F.V.

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti