La Contrada Sant’Erasmo di Legnano per i bambini dell’ospedale ‘Buzzi’ di Milano

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

LEGNANO –  Domani pomeriggio, alle 14.30, presso l’Ospedale Vittore Buzzi (Ospedale dei Bambini di Milano) la Contrada Sant’ Erasmo del Palio di Legnano consegnerà il ricavato della vendita del calendario benefico 2017. La Reggenza, in veste ufficiale, con il gonfalone della Contrada si recherà presso l’Ospedale Buzzi per la consegna ufficiale alla dirigenza dell’ ASST Fatebenefratelli – Sacco, Dott. Alessandro Visconti, del ricavato del calendario benefico.  <<In quel contesto, d’accordo con la dirigenza dell’Ospedale – spiega Jody Testa della Contrada di Sant’Erasmo  –  faremo provare ai piccoli pazienti le suggestioni di un viaggio nel passato vestendoli con abiti storici medievali, che la contrada utilizza nella sfilata storica del 29 Maggio 1167 “La Battaglia di Legnano”>>.  Quest’anno la reggenza di Sant’Erasmo ha stabilito che a beneficiare della somma ricavata dalle vendite sarà l’Onlus OBM (Ospedale dei Bambini di Milano, Vittore Buzzi) che, in accordo con il direttore generale dell’ASST Fatebenefratelli Sacco, dott. Alessandro Visconti, il primario della Clinica Pediatrica, prof. Gian Vincenzo Zuccotti, e il primario della UO di Neonatologia, Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Neonatale, dott. Gianluca Lista, ha deciso di acquistare delle strumentazioni utili proprio ai piccoli pazienti ricoverati in Terapia Intensiva Neonatale. Infatti, con la somma ricavata sarà possibile dotare il reparto di un saturimetro e una pompa siringa da dedicare ai piccoli pazienti nati prematuramente non ancora completamente autosufficienti nell’alimentazione. Grazie a questi presidi i neonati e i loro genitori, che spesso hanno alle spalle mesi di degenza, potranno essere dimessi in tutta sicurezza garantendo loro un’adeguata alimentazione a domicilio e riducendo così la loro ospedalizzazione. “Ed allora è forse anche per questo motivo che quei sorrisi, quegli occhi pieni di vita e quelle espressioni di immensa gioia dei nostri piccoli corvetti risultano essere così intensi su quelle splendide fotografie. Difficile stilare una classifica, anche perché ogni anno i suddetti creativi ci lasciano sempre a bocca aperta: vestiti e temi di sfilata in primo piano nel 2012-13, sensualità femminile nel 2014, emozioni  e passione per onorare la vittoria nel calendario 2015 e ardito connubio uomini e rapaci nel 2016. Cosa poteva mancare all’appello? Ovviamente la celebrazione di quello che sarà il futuro della Contrada: i nostri piccoli Bambini “corvetti”. Sapere che parte del ricavato andrà ad aiutare altri bambini che stanno affrontando diverse difficoltà nella primissima parte della loro vita ci inorgoglisce” conclude Testa .

 
Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti