ESCLUSIVO – Magenta e area Saffa, parla Finalpa: ‘Attendiamo un incontro, ma siamo sempre interessati’

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

Parlano i proprietari dell’ex cartiera: ‘Il nostro obiettivo è favorire un investimento di riqualificazione complessiva”

 

MAGENTA – Finalpa c’è, segue con attenzione l’evolversi della situazione (e delle scelte) sull’immensa area ex Saffa, di cui è titolare dopo l’acquisizione da Redim risalente al giugno scorso.

Martedì abbiamo contattato gli uffici della società immobiliare che fa capo alla famiglia Cremones, e in particolare al geometra Daniele Cremonesi, che vantano un’esperienza imprenditoriale cinquantennale, nel settore immobiliare ma non solo.

Ieri siamo stati ricontattati dagli uffici di Finalpa, che ci hanno detto poche ma importanti cose.

Eccole: “Naturalmente abbiamo voluto attendere il passaggio dalla precedente Amministrazione a quella nuova. Attendiamo di incontrare sindaco ed esponenti dell’Amministrazione di Magenta per concordare le possibili azioni da intraprendere. Da parte nostra, c’è tutta la volontà di proseguire nell’elaborazione di un piano complessivo di riqualificazione immobiliare dell’area”.

Fin qui Finalpa, la cui attività è comprensibile leggendo una vecchia intervista a Cremonesi, che esemplifica l’attività di una precedente società, l’Arcobaleno (sempre una Srl).

“Arcobaleno Immobili S.r.l. ha recepito appieno le richieste del mercato puntando molto sulla localizzazione geografica, acquistando terreni nell’hinterland milanese, in particolare nella prima fascia che delimita la città, in modo da offrire unità abitative in zone tranquille ma provviste di servizi. Questo è uno dei temi affrontati da Daniele Cremonesi, Amministratore delegato di Arcobaleno Immobili S.r.l (350 dipendenti e un indotto che offre lavoro a 3.000 persone)”.

Nessuna conferma, insomma, sulla percorribilità (o meno) del piano presentato illo tempore da Marco Invernizzi, perché ovviamente bisogna valutare la posizione degli altri partner e testare il sentiment dell’Amministrazione.

Ma un cenno, ancorché preliminare, Finalpa l’ha dato. Adesso la palla passa nel campo di Chiara Calati.

F.P.

 

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti