Bareggio, la Lega incalza: “La Giunta Pd-Io Amo Bareggio, invece di tutelare il diritto alla mobilità….”

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

 

Silvia Scurati e Lorenzo Paietta attaccano: “Si limitano a raccogliere le firme, quando, è il governo a guida Pd – Ncd a tagliare il trasporto pubblico. Il 22 ottobre votiamo SI’ al referendum”

BAREGGIO,  RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DALLA LEGA NORD – “Mentre le neo amministrazioni di centrodestra magentino, con accanto Regione Lombardia, si sono recate a Roma portando a casa un risultato storico sull’infrastruttura Vigevano-Malpensa, sull’asse della ex Statale11 si respira un’altra aria. Invece di andare a Roma e protestare per i tagli che questo il Governo a guida PD-NCD sta perpetrando anche sul trasporto pubblico, ci si limita a sponsorizzare una raccolta firme iniziata a luglio per protestare contro un disservizio che ad agosto colpirà migliaia di famiglie con il taglio delle corse.

Cosa si pensa di fare con le centinaia di firme raccolte? Un’amministrazione non può limitarsi a fare spallucce scaricando il problema sui cittadini invitandoli a firmare se poi non si portano avanti le battaglie presso le sedi preposte. Così come non è chiaro dove la Giunta Lonati possa reperire le risorse per lo sbandierato prolungamento della M5 o M1. La Giunta bareggese ha il dovere di tutelare il diritto alla mobilità, andando a battere seriamente i pugni sul tavolo, così come hanno fatto le altre amministrazioni, non affidandosi a slogan pre-elettorali.

Che risposte darà la Giunta Lonati ai bareggesi quando nel concreto non avranno più i mezzi? Mentre il Governo centrale ha tagliato milioni di euro, fortunatamente la Regione Lombardia nell’assestamento di bilancio è riuscita a reperire risorse anche per questo settore con investimenti pari a 1,6 miliardi e con l’acquisto di 160 nuovi treni e mettendo con il “il Patto per la Lombardia” altri 130 milioni di euro a disposizione per nuove infrastrutture.

Auspichiamo che dinanzi a tutti questi problemi legati alla mancanza di risorse nel settore trasporti e in generale in molti altri ambiti, tutti i lombardi sostengano coerentemente il referendum del prossimo del prossimo 22 ottobre, il cui esito positivo consentirà di lasciarci finalmente alle spalle questi e tanti altri problemi legati alla scarsa reperibilità di risorse. Oggi la Lombardia regala allo Stato centrale un miliardo alla settimana, piu’ del doppio di quanto tratteniamo per noi. Dopo il 22 ottobre potremmo finalmente trattenere almeno la metà di quei 53 miliardi di residuo fiscale che regaliamo a Roma, diventando una Regione ancora piu’ efficiente”.

*Gruppo Consiliare Lega Nord di Bareggio – Silvia Scurati e Lorenzo Paietta

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti