Economia/LavoroNews

ASLAM e apprendistato: quando scuola e lavoro si incontrano

MAGENTA – A partire dallo scorso anno sono state introdotte nuove regole per quanto riguarda i contratti di lavoro di apprendistato, finalizzati all’occupazione dei giovani e al primo inserimento lavorativo, con novità decisamente interessanti e vantaggiose sia per gli studenti sia per le aziende. I primi infatti hanno l’opportunità di studiare per acquisire un titolo e contestualmente di lavorare all’interno di un’impresa, secondo un apposito programma che alterna queste due attività. Le aziende che stipulano tali contratti possono formare personale in accordo alle loro esigenze specifiche ottenendo allo stesso tempo notevoli sgravi fiscali e contributivi. Esperienza lavorativa e formazione finalmente si uniscono, dunque, affinché sia colmato il gap tra il tempo dell’apprendimento e la ricerca di un posto di lavoro adeguato.
Fondamentale per avviare l’apprendistato è l’incrocio tra domanda e offerta, e cioè il rapporto tra le aziende che ricercano figure specifiche e le scuole di formazione professionale che le possono “preparare”. Questo ad esempio è ciò che offre oggi ASLAM, tra le prime scuole in Lombardia a intraprendere la strada della formazione professionale in apprendistato, convinta dell’utilità per gli studenti di entrare da subito nel mondo del lavoro e del vantaggio che le imprese possono ottenere inserendo nel proprio organico personale che nel tempo sarà sempre più qualificato e che potrà rimanere in azienda, se quest’ultima lo riterrà utile, una volta terminato il periodo di formazione. Secondo i dati rilasciati da Regione Lombardia, la scelta del contratto di apprendistato, confrontata con altre tipologie di contratti, consente alle imprese un abbattimento del costo del lavoro di circa il 40%. Tutti i giovani tra i 15 e i 29 anni possono accedere all’apprendistato, che è suddiviso in tre livelli a seconda della formazione e dei titoli che si possono conseguire.
La sede ASLAM di Lentate sul Seveso (MB), che forma operatori e tecnici professionali nell’ambito del legno-arredo, è la prima non solo tra le scuole di ASLAM ma anche degli istituti professionali di tutta la Lombardia ad avere sperimentato l’apprendistato in diritto-dovere di istruzione e formazione durante l’anno scolastico 2015-16. I risultati sono stati assai soddisfacenti sia per gli studenti sia per le aziende che li hanno assunti ed è questa la ragione per cui anche le altre sedi di ASLAM si stanno adoperando per avviare questo sistema dal prossimo settembre. In particolare la scuola di Magenta (Mi) intende offrire tale opportunità agli alunni della futura classe terza del corso di “Operatore meccanico: saldocarpenteria”. Gli studenti hanno svolto lo stage formativo presso aziende metalmeccaniche del territorio e ora le stesse aziende sono interessate ad assumere i ragazzi con contratto di apprendistato. È certamente un’occasione che la scuola non vuole lasciarsi scappare, perché riconosce l’importanza di far conseguire allo studente un titolo di studio o una qualifica professionale lavorando e, allo stesso tempo, di sviluppare competenze per il mercato del lavoro già durante il percorso di studio direttamente in azienda.
Per approfondire opportunità e vantaggi dell’apprendistato è possibile contattare le varie sedi di ASLAM. Esiste inoltre una breve guida all’apprendistato, redatta da Regione Lombardia, utile sia agli studenti, sia alle aziende: “Adotta un apprendista”.

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi