NewsStuzzicamenti

‘Addio Wanda’: quando Indro Montanelli rimpiangeva le ‘case chiuse’..

Riprendiamo molto volentieri da www.barbadillo.it

La monaca strega che ti converte…” E non andiamo oltre, riguardatevi Amici Miei atto I e godetevi il Necchi (Duilio del Prete) che legge i titoli del cinema fiorentino a due passi da Santa Maria Novella, allora frequentatissima sala a luci rosse. Pezzi di storia, proibita, di un Paese che si è sempre mosso in equilibrio fra pudore e proibito, di fede religiosa e voglia di far esplodere le passioni. Come le case di tolleranze della Roma di Pio IX, come le case chiuse abolite dalla Merlin e celebrate da Montanelli nel pamphlet Addio, Vanda!, per decenni le piccole sale hard della provincia italiana sono state un fenomeno sociale e di costume, forse mai studiato o, meglio, mai totalmente compreso.

“Sconto studenti e militari”: si leggeva, fino a non molto tempo fa, in un cinema di via Piave, nel cuore di Terni, saletta d’antan (in attività dal 1948), la prima a proporre nella città dell’acciaio i film di Fellini, di Sergio Leone, di Kubrik per poi orientarsi alle pellicole d’essai, fino agli Anni ’90 quando le locandine cambiano “colore” con titoli improbabili di mogli infedeli e di amanti bollenti.

La grande distribuzione, con i VHS e i DVD che lanciano sul piccolo schermo successi usciti appena pochi mesi prima, muove una guerra spietata alle salette di città costrette a chiudere una dopo l’altra. Per alcune la serrata è necessaria; per altre si punta su pellicole meno seguite e legate al proibito tipo l’hard che, in tempi in cui internet non è ancora a portata di tutti, è disponibile a pochi euro dalle 16 alle 21.30. Ma chi va in quelle sale? La vulgata popolare parla di anziani e “pervertiti”, in realtà quei cinema diventano un concentrato di umanità, un po’ come i lupanari lo erano stati fino ad alcuni decenni prima:

In Italia un colpo di piccone alle case chiuse fa crollare l’intero edificio, basato su tre fondamentali puntelli, la Fede cattolica, la Patria e la Famiglia. Perché era nei cosiddetti postriboli che queste tre istituzioni trovavano la più sicura garanzia“. (Indro Montanelli)

Marco Petrelli

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi