A Robecco riapre la ‘Gallina’ (ma senza Giuseppina Galli…)

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

Il ristorante di via Santa Croce riaprirà a breve,dopo la chiusura dell’ultimo periodo, col nome che la rese celebre tra gli anni 60 e 70

 

ROBECCO SUL NAVIGLIO – Quando abbiamo visto la scritta ‘Gallina’, passando in macchina da via Roma, siamo sobbalzati.

Seppur rimodernata con l’aggiunta ‘D’oro’, questo nome rimanda a uno dei locali più evocativi della Robecco dell’ultimo secolo: la ‘Gallina’, al secolo Giuseppina Galli, era la titolare dell’omonima osteria-ristorante che rimase aperta per decenni nel dopoguerra, nella porzione di fabbricato dove la sua famiglia aveva un’annessa attività di vendita legname. In quel locale si giocava a carte, si beveva (parecchio..) e si gustavano i piatti della tradizione milanese e lombarda.

Giuseppina Galli era la madre del geometra Albino Viganò, molto noto anch’egli e titolare di uno studio tecnico in via Dante per molto tempo, nonché la nonna di Stefano Viganò, che in qualche modo ha perpetuato la tradizione famigliare aprendo l’azienda agrituristica cascina Bullona, ormai quasi 20 anni fa.

La Gallina (d’oro) sarà specializzata in cucina alla griglia o al carbone, e riprenderà l’attività (durata per oltre 30 anni) interrotta dalla famiglia Roncaglioni poco tempo fa con l’Antica Trattoria.

I nuovi titolari, a quanto pare,  non sono ristoratori italiani. Nel locale i lavori fervono ormai da giorni, e l’apertura potrebbe essere imminente, ossia prima della fine del 2017. Di certo, per Robecco si tratta di una notizia: la ‘Gallina’ fa parte della storia recente del paese. Toccherà ai nuovi titolari tenerne alto il nome.

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti