A Magenta le storiche Converse diventano ‘borchiate’

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

Le clasicche sneakers ‘rivivono’ in una versione innovativa ed originale nel  negozio Aldieci di piazza Liberazione

 

MAGENTA – Tutti conoscono le Converse, scarpe che generazioni di ragazzi hanno portato e continuano a portare.

Nel 1917 nasce la prima Converse All-Stars. La sneakers presentava una suola di gomma spessa ed una struttura in tela nera che abbracciava l’intera caviglia. Nonostante gli sforzi del fondatore per creare una scarpa adatta ai giocatoti di basket, la calzatura non ebbe subito un grande successo. La fama arriva quando il noto giocatore Chuck Taylor, innamoratosi del confort di queste sneakers, ne promuove le doti in tutto il paese. Chuck apprezzava così tanto queste scarpe che si recava personalmente in azienda per acquistarle e migliorare il modello in base alle sue necessità.

Le Converse sono state ‘attualizzate’ e modernizzate in modo originale da Aldieci, il negozio di moda di piazza Liberazione, dove viene commercializzata da tempo una linea di Converse ‘borchiate’; un lavoro effettuato manualmente, una borchia per una, e che sta riscuotendo grande successo.

Nonostante il successo, negli anni la concorrenza è stata spietata e nel 2001 la Converse Ruberr Shoe Company si trova sull’orlo del fallimento. A salvare questo colosso, per così dire, fu a quel punto la Nike, che incorpora il brand acquistandolo per la cifra di 305 milioni di dollari.  Le All-Star sono le sneakers più famose in tutto il mondo. Si stima che  siano stati venduti quasi 800 milioni di Chuck Taylor ,e nonostante vengano proposti innumerevoli modelli con fantasie accattivanti, con pelliccia e doppio gambale, le classiche disegnate dal campione del basket Chuck Taylor in versione bianca o nera, rimangono un cult senza tempo.

Un cult che oggi rivive. Del resto, Magenta fu anche la culla di un altro brand molto famoso della moda come Naj Oleari. 

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti